Dove siamo

map

 

IMPRESA STORICA

D' ITALIA

Storia PDF Stampa E-mail
 L'albergo viene inaugurato nel 1886, all'inizio questa struttura ricettiva viene aperta nella stagione estiva in collaborazione con l'Albergo Albero Fiorito essendo della stessa famiglia. In seguito, ed esattamente il 4 luglio 1899 con rogito del notaio Rigoletti, i fratelli si dividono le proprietà e Chiariglione Giovanni Battista è proprietario a tutti gli effetti dell'Albergo della Posta e lo gestisce con i figli.CartolinaIl primo grande pranzo a nostra conoscenza venne fatto il 27 agosto del 1899 proprio in onore del notaio Rigoletti con menù in nostro possesso. Dal 1902 abbiamo ritrovato il registro delle persone alloggiate. Durante la prima guerra mondiale la gestione è affidata alle figlie Maria e Orsolina perché gli altri figli sono impegnati al fronte. Dopo la guerra la gestione è condotta dai figli di Giovanni Battista , Maria, Benedetto e Giorgio. Intorno agli anni trenta viene rimodernata con tutti i confort del tempo: luce elettrica, acqua calda e fredda come descritto.Successivamente con la dipartita di Giorgio Chiariglione i figli Domenico e Tino hanno affiancato gli zii Maria e Benedetto nella conduzione dell'attività.images 2 Dal 1970 circa fino al 2004-2005 la struttura ricettiva subisce sia all'esterno che all'interno delle significative trasformazioni: all'interno viene sistemato il riscaldamento nelle camere per poterle utilizzare anche nei mesi invernali, sono stati inseriti i bagni al loro interno, sostituiti i pavimenti, al posto della macelleria e della vecchia salette viene costruita una saletta ristorante con camino funzionante, un'entrata dalla piazza con un portico con dehors. Anche il salone viene rimodernato e dove originariamente esisteva una terrazza scoperta con ringhiera in ferro e accesso diretto da un scala esterna in pietra diventa una veranda adibita a sala pranzo. Anche il bar così come la cucina e la scala interna sono state rimodernate, nella sala biliardo " una volta stalla" è stata conservata la volta a botte con mattoni a vista. biliardoNell'agosto del 1931 l'albergo viene onorato della visita del Principe Umberto di Savoia e per tale occasione viene redatto un menù dal lui firmato e tutt'ora conservato a memoria di quei giorni. A fianco al ristorante – albergo esisteva la macelleria ( cosa logica a quei tempi ) nata con l'albergo e gestita da Benedetto Chiariglione prima, poi da Tino il nipote, il quale la spostò nella vecchia carrozzeria ( che ormai non serviva più ) dove fece mattatoio , frigoriferi e negozio.Copia 2 di img107

 Quando Tino decide di aiutare il fratello nella gestione dell'albergo , la macelleria viene rilevata da Perotti Giuseppe tutt'ora operante e avente sempre la specialità dei cotechini e salami cotti vecchie ricette dei Chiariglione. Benedetto era un validissimo cuoco e fu da maestro a Domenico che seppur il suo lavoro era direttore di sala sapeva destreggiarsi molto bene in cucina ed era molto apprezzato dai clienti. Dal 1979 è stato affiancato nell'attività dalla moglie Cordero Laura. Dall' inizio del 2018 lo storico albergo viene riaperto dopo un anno di interruzione dell'attività alberghiera e ristorativa da Larissa Rosca e famiglia.